Alla scoperta di un healing garden

Un healing garden – o giardino terapeutico per l’alzheimer – è un’area verde appositamente progettata per promuovere e migliorare la salute e il benessere delle persone, i cui benefici possono essere ottenuti attraverso un’esperienza di tipo passivo (guardare il giardino, stare seduti in giardino) o un coinvolgimento attivo (giardinaggio, terapia).

Molto spesso i fruitori di questi spazi non sono solo soggetti fragili, ma anche i familiari, che hanno un carico psicologico enorme da dover gestire.
Si evince, dunque, l’importanza di affidare la creazione di healing gardens a figure qualificate e imprese di giardinaggio in grado di dare la giusta importanza a tutti i delicati aspetti del tema. Noi possiamo aiutarti.

Scegli Oikos come Impresa di Giardinaggio per il tuo Giardino Terapeutico per l’alzheimer.

I giardini terapeutici: cosa sono e perché sono efficaci?

É ormai noto come l’ambiente di vita di persone affette da Alzheimer debba essere rimodellato per rispondere alle loro esigenze; infatti, l’azione di cura e di tutela chiama in causa non soltanto le persone, ma anche gli spazi edilizi e urbani.

La progettazione dell’ambiente, quindi, è parte integrante dell’approccio globale alla cura e all’assistenza dei malati, ed è sulla coerenza che ruota la qualità della vita dei pazienti.

I giardini terapeutici per anziani malati di Alzheimer, chiamati healing gardens, nascono proprio con questo obiettivo e hanno le seguenti finalità:

  • Ridurre i problemi comportamentali: il disorientamento spazio temporale, i tentativi di fuga, il girovagare afinalistico (wandering) e le reazioni catastrofiche;
  • Ridurre il carico farmacologico;
  • Ridurre, se non abolire, il ricorso alla contenzione;
  • Stimolare le capacità ancora presenti;
  • Riattivare la memoria a lungo termine e recuperare i ricordi positivi dell’infanzia attraverso l’uso di piante fiorite e aromatiche.

La progettazione degli spazi, dunque, deve tener presente che la percezione spaziale del malato di Alzheimer si trasforma progressivamente nel tempo; alcune persone allo stato iniziale della malattia parlano di “sgretolamento” delle forme e dei colori dell’ambiente di vita.

I giardini terapeutici rispondono proprio alla necessità di ricreare un ambiente piacevole e stimolante per le persone in difficoltà.
Va detto, comunque, che i giardini terapeutici non vengono usati solo per persone malate di Alzheimer. Per questo è importante rivolgersi sempre a specialisti che sappiano individuare le esigenze di ogni individuo.

I 4 migliori giardini terapeutici in Italia che curano corpo e anima

  • GIARDINO TERAPEUTICO – VENEZIA

Ordine, armonia, bellezza. Colori e profumi di un parco con grandi alberature mediterranee, collocato tra mare e laguna.

Sono molte le sensazioni positive suscitate dal giardino terapeutico del San Camillo SRL, Ospedale Neuroriabilitativo – IRCCS del Lido di Venezia.

Si tratta del primo giardino terapeutico in Italia pensato per pazienti ricoverati in neuroriabilitazione, inaugurato il 14 luglio 2013 e denominato “Un giardino per rivivere”.

L’idea progettuale ha previsto di rispettare la natura esistente, in particolare gli alberi, inserendo percorsi “paesaggistici”, grazie all’aiuto di un’impresa di giardinaggio, dedicati al primo contatto con la natura e mettendo in forte evidenza l’aspetto estetico del giardino: il bello produce benessere.

Altri sentieri portano alle “stanze” del colore, del profumo e del tattile: una serie di spazi conclusi collegati tra loro da pergole naturali con piante rampicanti.

giardino terapeutico alzheimer

 

  • GIARDINI PER L’ ALZHEIMER – PISTOIA

A partire dai progetti perfezionati nei vivai aziendali, MATI 1909 ha realizzato giardini terapeutici in tutta Italia, grazie all’interesse crescente da parte delle istituzioni sui benefici della green therapy sul benessere di operatori sanitari, caregiver, pazienti e loro familiari.

I primi prototipi sperimentali per pazienti con Sindrome di Down, Autismo, Alzheimer, sono stati realizzati grazie al Progetto NOVIFRA in collaborazione con altre aziende toscane, premiato nel 2017 dalla Regione Toscana come “eccellenza nell’innovazione terapeutica”.

Il giardino terapeutico per l’alzheimer è un progetto per i malati di Alzheimer firmato da MATI 1909 in collaborazione con Generali Arredamenti, specializzata nella realizzazione di ambienti terapeutici per soggetti affetti da disturbi cognitivi.

giardino terapeutico alzheimer esempio

 

  • GIARDINO TERAPEUTICO PSICHIATRICO – VERDUNO

Prestare attenzione al “verde che cura” è uno degli aspetti innovativi che stanno spingendo la Fondazione Ospedale Alba-Bra, grazie al sostegno della famiglia Ferrero, a dedicare impegno e risorse nella creazione di un parco di 50.000 mq dentro e attorno all’ospedale a Verduno.

Un parco costituito da molteplici “healing gardens” (giardini terapeutici), differenziati per reparto, pensati per coinvolgere direttamente il personale dell’ospedale, chiedendo come il verde adiacente alle degenze e/o ai servizi (spazi annessi all’ospedale quali corti, terrazzi, portici) possa aiutare la guarigione dei pazienti e migliorare le condizioni di lavoro dei dipendenti.

giardino terapeutico alzheimer esempio2

 

  • IL GIARDINO TERAPEUTICO PER ANZIANI – MILANO

Si chiama healing garden e si tratta dello spazio verde del progetto Green age. Si trova all’interno del Giardino San Faustino nel quartiere Ortica, a Milano.

Si tratta di uno spazio verde pensato per gli anziani, completamente accessibile a chi si muove in carrozzina e disegnato secondo i principi dei giardini terapeutici, realizzato nell’ambito del progetto Green Age del Dipartimento di scienze agrarie e ambientali dell’Università degli Studi di Milano e grazie al supporto del Gruppo Kos Care.

Progettazione del giardino terapeutico: cosa facciamo

Per OIKOS il benessere delle persone è alla base di tutto.

Siamo una cooperativa sociale che si occupa di persone svantaggiate e fragili. Per questo abbiamo particolarmente a cuore questo settore. Offriamo progettazione e manutenzione di spazi verdi e giardini terapeutici per anziani, disabili, minori, pazienti ospedalieri, case di riposo, cliniche.

Condividi su:

Articoli correlati

Scopri tutte le news